patologie oculari

L’oculistica è la branca della medicina che si occupa dello studio delle patologie legate agli occhi e alla vista.

Il compito dell’oculista è quello di individuare, sottoporre ad analisi e trattare le diverse patologie legate all’apparato visivo.

Ma quali sono le principali patologie oculistiche delle quali si occupa l’oculista?

Astigmatismo

La visione delle immagini è poco nitida e distorta, sia da lontano che da vicino. Questo accade perché le immagini vengono messe a fuoco su due piani diversi della retina invece che convergere sullo stesso punto. È causato da un difetto di curvatura della cornea (anche se meno spesso) dall’irregolarità del cristallino. La curvatura della cornea non risulta essere regolare in tutti i suoi punti (detti meridiani) e ciò fa si che la cornea non sia perfettamente sferica.

Cataratta

Opacizzazione parziale o totale del cristallino che è la lente biconvessa posizionata all’interno del bulbo oculare (tra l’iride e il corpo vitreo). Il cristallino ha il compito di mettere a fuoco l’immagine e, nel momento in cui viene danneggiato, perde la propria trasparenza e si ha una riduzione della capacità visiva. Se non viene curata, può causare una cecità permanente.

Congiuntivite

E’ un’infezione della membrana mucosa e trasparente che si trova nella parte anteriore dell’occhio, detta congiuntiva. È una patologia molto frequente e può essere acuta o cronica, causata da infezioni, irritazioni o allergie. I sintomi più caratteristici sono l’arrossamento degli occhi, bruciore, prurito, fotofobia, aumento della lacrimazione, gonfiore alle palpebre e sensazione di presenza di un corpo esterno all’interno dell’occhio. Nel caso in cui si trattasse di congiuntivite infettiva, si presentano anche delle secrezioni.

Per quanto riguarda la tipologia di terapia da seguire, bisogna prima accertarsi di quale tipologia di congiuntivite si tratta e, successivamente, il medico procede alla prescrizione della terapia che solitamente consiste in colliri (diversi per ogni tipologia di congiuntivite) e pomate.

Diplopia

Viene anche detta visione doppia proprio perché si percepisce simultaneamente la visione di due immagini relative ad un unico oggetto. Viene classificata in transitoria, costante o intermittente. Può avere diverse cause, più o meno gravi.

Distacco di retina

E’ una condizione molto grave e si verifica quando la retina si stacca dai tessuti di sostegno. Può manifestarsi con la visione di fasci luminosi o di crepuscoli mobili, associati ad un offuscamento e una grave riduzione della vista. Se non viene trattata, produce una cecità parziale o totale dell’occhio colpito.

Glaucoma

E’ una malattia oculare che consiste in un progressivo danno al nervo ottico in parte dovuto all’aumento della pressione interna dell’occhio. Possono essere distinti in glaucoma ad angolo aperto e ad angolo chiuso in base alla posizione che assumono l’iride e la cornea. Possono inoltre essere primari (se sono dovuti a una causa sconosciuta) o secondari (se appunto accompagnano un’altra malattia). Possono svilupparsi senza che il paziente se ne accorga ma arriva a produrre dei malfunzionamenti a carico del nervo ottico. Se non viene trattato in modo adeguato, il glaucoma può influenzare la visione periferica e in casi più gravi può portare alla cecità.

Ipermetropia

All’interno dell’occhio, il punto focale è posto dietro la retina e le immagini non vengono focalizzate su di essa. Questo si verifica perché la cornea presenta una curvatura troppo grande e/o la lunghezza assiale è troppo breve. Risulta essere più difficile la visione da vicino causando un grande sforzo nel mettere a fuoco. L’ipermetropia, nei giovani e nei bambini, in alcuni casi, può correggersi da sola attraverso esercizi di messa a fuoco. Possono anche essere utilizzate apposite lenti o sottoporsi ad operazione chirurgica per rimuovere tale difetto visivo.

Miopia

Consiste nella difficoltà di mettere a fuoco gli oggetti lontani a causa della messa fuoco davanti la retina dei raggi luminosi che provengono da lontano (e non al di sopra della retina come dovrebbe essere). Per questo, chi soffre di miopia, vede bene da vicino e male da lontano. È una delle malattie più diffuse tra la popolazione. Viene diagnosticata da una semplice visita oculistica e per porre rimedio possono essere usati appositi occhiali, lenti a contatto o la chirurgia corneale rifrattiva.

Strabismo

E’ un difetto di convergenza degli assi visivi degli occhi ed è causato dalla mancanza di coordinamento dei muscoli oculari che impedisce di orientare lo sguardo di ciascun occhio su uno specifico punto. Può essere congenito (presentarsi fin dalla nascita) o acquisito (si presenta in un secondo momento). E’ una condizione che, se non tempestivamente valutata e diagnosticata, può portare all’ambliopia, nota anche come “occhio pigro”.

Retinopatia diabetica

Si tratta di una complicanza tardiva del diabete, che emerge cioè alcuni anni dopo la diagnosi di diabete, se questo non è stato curato in modo efficace. Si manifesta come un danno alle pareti dei capillari, del sistema nervoso periferico e della retina. Ciò avviene a causa dell’iperglicemia cronica, che determina un aumento della permeabilità capillare e il conseguente accumulo di liquidi all’interno del tessuto che viene interessato dalla patologia. La malattia, solitamente, colpisce entrambi gli occhi, e nella fase iniziale causa solo lievi problemi di visione. Tuttavia, se progredisce, può determinare la cecità.

Degenerazione maculare senile

Si tratta di una patologia oculare che insorge con l’invecchiamento e che colpisce la macula, cioè la parte centrale della retina. La sua comparsa è associata ad una progressiva riduzione della visione centrale, alla difficoltà di lettura delle parole, che appaiono sfuocate, ad un’area scura che si posiziona al centro del campo visivo e una distorsione delle linee dritte. Ciò deve far scattare un campanello d’allarme e deve indurre il soggetto, soprattutto in presenza di fattori di rischio come fumo, alimentazione scorretta, età e familiarità con la patologia, ad una visita di controllo oculistico.

 

L’importanza della prevenzione oculistica

Molte patologie, come abbiamo analizzato, possono restare silenti per tantissimo tempo e non permettono al paziente di accorgersene tempestivamente per poterle trattare. Per questo motivo è importante sottoporsi a visite oculistiche di prevenzione periodiche in modo da poter tenere sotto controllo gli occhi e la vista.

Presso il nostro centro medico, è possibile effettuare visite oculistiche con il dottor Paolo Annunziata, medico oculista, allo scopo di prevenire e curare le patologie oculari.

Per maggiori informazioni, chiama il 3791777005 o scrivi un’e-mail a [email protected] o compila il form a questo link https://www.polimedalab.it/contatti/

Write a comment:

*

Your email address will not be published.

© 2018 - Angie srls | P.IVA 04325570614 powered by Stratego Comunicazione srl